Mappa Napoli
Guida alle Vacanze e ai Viaggi a Napoli

Chiesa del Gesų Nuovo

V Tappa "A Spaccanapoli"


Le altre Chiese di Napoli -->

Itinerario A Spaccanapoli -->




CHIESA DEL GESU' NUOVO


La Chiesa del Gesù Nuovo è una delle chiese basilicali piu importanti. Situata in Piazza del Gesù, la chiesa venne costruita a fine 1500. Molto amata e frequentata dai Napoletani è anche meta di pellegrinaggio per Giovanni Moscati, il cui corpo è conservato all'interno.




STORIA ARTE E CULTURA


 La Chiesa di Gesù Nuovo fu fondata dai Padri Gesuiti, che acquistarono Palazzo Sanseverino di Salerno dalla principessa di Bisignano trasformandolo nel maestoso tempio. La Chiesa, su progetto di padre Giuseppe Valeriani, mantenne la facciata e le mura laterali decorate con bugne di piperno a punta di diamante. Presenta tre portali, due finestre laterali, un finestrone centrale sulla sommità raccordata da due volute agli ordini inferiori, ed una lapide nella sua estremità sinistra, con testimonianza della sua fondazione. Si riconoscono ai lati delle bugne a punta di diamante strani incisi che hanno dato luogo ad una leggenda sul suo significato. Tale leggenda vuole che tali incisi siano testimonianza di arti magiche e segreti esoterici, capaci di caricare la pietra di energia positiva dall'esterno all'interno dell'edificio. Per distrazione od altro dei costruttori però tale pietre con gli incisi non furono poste nel corretto ordine, generando così l'effetto opposto, attirando così ogni genere di sciagura sul luogo. Questo spiegava il motivo della confisca dei beni ai Sansevero, della distruzione del palazzo, dei ripetuti crolli della cupola, delle cacciate dei Gesuiti e tanto altro. Nel 2010 però l'arcano di questi incisi è stato svelato. Tali segni rappresentano note musicali, e fanno della facciata uno spartito musicale a tutti gli effetti da leggersi da destra verso sinistra. Tale sinfonia, della durata di 45minuti, è stato nominata con il titolo di Enigma.



Guglia con Inciso


 La costruzione di Gesù Nuovo comportò l'impiego di enormi capitali, soprattutto per i marmi, affreschi, sculture e decorazioni all'interno. Cosimo Fanzago fu protagonista di un continuo restauro che ammodornò completamente la chiesa in stile barocco. A Fanzago si devono la statua di Sant'Ambrogio, il rifacimento della Cappella dedicata a San Carlo Borromeo, il rifacimento del Cappellone di Sant'Ignazio, la scultura delle statue di Geremia, di Davide e dei Puttini, il disegno dell'altare maggiore, le colonne per la Cappella di San Francesco Saverio e tanto altro.
La Cupola, costruita nel 1633, fu rifatta da Arcangelo Gugliemelli dopo il terremoto del 1688, sostituita all'inizio dell'ottocento, ed alla fine abbattuta e ricostruita nel 1973.
L'Interno, a croce greca, è a tre navate con cappelle laterali. Ricchissima di decorazioni ed opere, spicca sulla controfacciata all'ingresso l'affresco di Francesco Solimena, raffigurante la Cacciata di Eliodoro del Tempio. La volta della navata centrale fu affrescata da Belisario Corenzio, ad eccetto dei due affreschi centrali di Paolo dei Matteis e dei peducci della cupola di Giovanni Lanfranco. La volta della tribuna fu affrescata con Storie mariane di Massimo Stanzione, e Storie della vita di San Francesco Saverio e Sant'Ignazio nei transetti da Belisario Corenzio e Paolo De Matteis. Nelle cappelle della navata destra si trovano vari affreschi, spiccano San Carlo Borromeo di Giovan Bernardino Azzolino, i Simboli della Passione di Giuseppe Simonelli, le statue di Santi di Cosimo Fanzago, la Visitazione di Massimo Stanzione, gli affreschi di Santi Pietro e Paolo, Storie del Battista e Storie della vita del Santo di Luca Giordano, le statue dei Santi Ambrogio e Agostino di Fanzago, la Madonna del Rosario con i quindici misteri di Fabrizio Santafede. Nelle cappelle di sinistra spiccano invece gli Angeli di Francesco Solimena, Sant'Ignazio in gloria e Paolo III approva la regola di Jusepe de Ribera, la Madonna col Bambino tra i Santi Ignazio e Francesco Saverio di Paolo de Matteis, le statue di Sant'Andrea di Michelangelo Naccherino, di San Matteo di Pietro Bernini, di San Giovanni Battista di Girolamo D'Auria, il dipinto della Natività di Girolamo Imparato, La Madonna col Bambino e i Santi Martiri di Giovan Bernardo Azzolino.



Interno della chiesa




TAPPE E SOSTE "A SPACCANAPOLI"


(1) Largo Monteoliveto
(2) Chiesa di Sant'Anna dei Lombardi
(3) Palazzo Orsini di Gravina
(4) Piazza del Gesù Nuovo
(5) Chiesa del Gesù Nuovo
(6) Decumano Inferiore (Spaccanapoli)
(7) Basilica di Santa Chiara
(8) Palazzo Filomarino
(9) Palazzo Venezia
(10) Piazza San Domenico Maggiore
(11) Chiesa di San Domenico Maggiore
(12) Palazzo Sangro di Casacalenda
(13) Palazzo Petrucci
(14) Palazzo Saluzzo di Corigliano
(15) Via Mezzocannone
(16) Palazzo di Sangro
(17) Cappella di San Severo
(18) Piazzetta Nilo
(19) Chiesa di Sant'Angelo a Nilo
(20) Palazzo Diomede Carafa
(21) Palazzo del Monte di Pietà
(22) Via San Gregorio Armeno
(23) Chiesa di San Gregorio Armeno
(24) Chiesa dei Santi Severino e Sossio
(25) Palazzo Marigliano
(26) Basilica di San Giorgio Maggiore
(27) Palazzo Cuomo


(1) Gay Odin
(2) Bar Nilo



Indietro: Piazza del Gesų Nuovo

Avanti: Decumano Inferiore (Spaccanapoli)

In evidenza
Homepage
Itinerari
Contatti

Arrivare e Muoversi
Come Arrivare
Come Muoversi

Dormire

Mangiare e Bere

Luoghi da Visitare
Piazze
Strade
Chiese
Palazzi
Castelli
Gallerie
Teatri

Da Vivere

Da Sapere



Itinerari
Tutti gli Itinerari
Le Piazze del Potere
Nella Napoli Antica
A Spaccanapoli
Per Via Toledo

Immagini
Interno Duomo

Galleria fotografica

Link

vacanze nel mondo
guidanapoli.com č una guida del circuito InfoVacanze.net